L’ALBERO DELL’ACQUA.

11221721_809304315854730_5300059088093715273_n

Che cos’è la “Casetta dell’Acqua”.
Un’operazione a costo zero per l’Amministrazione nel segno della sostenibilità, del rispetto dell’ambiente, del risparmio per i cittadini.

La Casetta dell’Acqua è una struttura realizzata per valorizzare la nostra buonissima acqua ( l’acqua del Sindaco, come viene a volte chiamata, già ingrediente fondamentale del nostro pane e delle nostre amarene ) e si può considerare come una sorta di evoluzione e moderno sviluppo della fontana che negli anni ha costantemente contraddistinto la nostra realtà e la storia delle abitudini della comunità cantianese, sia come punto di prelievo sia come luogo di socializzazione.
In sostanza, ma il concetto va ripetuto e sottolineato,  la Casetta dell’Acqua ha lo scopo di favorire il consumo dell’acqua del rubinetto ( ricordiamo che l’acqua proviene direttamente dalla rete idrica pubblica: si tratta della stessa acqua che sgorga dal rubinetto di casa, che in questo caso viene refrigerata e “gasata” con l’aggiunta di anidride carbonica alimentare, filtrata ) in sostituzione di quella che acquistiamo al supermercato e nei negozi, con indubbi vantaggi di carattere economico e ambientale: i cittadini di Cantiano potranno cioè consumare acqua più controllata , sicura ed economica di quella in vendita e al tempo stesso ridurre in modo considerevole la produzione di rifiuti (le famigerate bottiglie di plastica usa e getta). Inoltre, si ridurrà la produzione di Co2 prodotta per il trasporto su mezzi pesanti dei bancali d’acqua confezionati spesso dall’altra parte d’Italia.

Insomma, un modo virtuoso, concreto ed efficace per ridurre la propria impronta ecologica e contribuire così al miglioramento dell’ambiente del nostro territorio. La “Casa dell’Acqua” rappresenta quindi un’opportunità per ricordare ancora una volta che bere acqua del rubinetto è una scelta sicura, economicamente vantaggiosa e sostenibile.

La Casetta, fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale di Cantiano all’interno di un programma di iniziative  e realizzazioni virtuose, è il frutto di un accordo e di una sinergia tra il Comune, l’AATO, Adriatica Acque e Marche Multiservizi.  All’Amministrazione la Casetta non è costata nessun esborso ( i prezzi di strutture della tipologia installata a Cantiano vanno dagli 11.000 ai 15.000 euro ) e anzi l’Amministrazione ha ricevuto dall’AATO un contributo di 1.500 euro per eventuali spese e lavori attinenti all’installazione. Gli incassi derivanti dall’erogazione andranno ad Adriatica Acque fino al completo rientro delle spese e copriranno  tutte le operazioni di manutenzione, analisi e controllo, compresa la sostituzione dei filtri ogni 33.000 litri erogati.

Vale ricordare e sottolineare,  come già fatto precedentemente, alcuni aspetti, cioè che l’operazione legata all’installazione delle Casette ha un senso compiuto solo se inquadrata in un programma di interventi virtuosi e nel caso di Cantiano rappresenta solo un momento di un progetto più ampio:  una grande campagna di informazione e formazione, che con varie modalità coinvolgerà tutta la popolazione, finalizzata ad esempio anche al miglioramento della raccolta differenziata ed indifferenziata e appunto ad una più convinta diffusione di principi educativi su stili di vita più sostenibili e responsabili; in questo senso sono  in programma incontri aperti alla cittadinanza (previsto anche il coinvolgimento attivo a partire già  da questo anno scolastico dei ragazzi delle scuole del territorio), banchetti informativi, distribuzione di opuscoli esplicativi con le indicazioni sul corretto conferimento dei rifiuti e i servizi a disposizione, impiego di personale formato per la divulgazione delle informazioni “ casa per casa” andando incontro pertanto alle esigenze dei più anziani.

Una finalità concreta, che non ci nascondiamo e che anzi perseguiremo con tenacia, è rappresentata  dall’obbiettivo di aumentare l’ attuale percentuale di raccolta ed i  benefici che ne conseguiranno saranno da un lato la salvaguardia e la tutela dell’ambiente e dall’altro la riduzione della cosiddetta  Ecotassa ( tributo per il conferimento in discarica) in quanto al superamento  del 65% di raccolta differenziata non viene più applicata l’addizionale di 4 euro/tonnellata.

Insomma è di fondamentale importanza un programma virtuoso dentro cui inserire l’operazione ed al quale il Comune di Cantiano sta già lavorando: dopo il fotovoltaico e la Casetta dell’Acqua e dopo le innovative delibere sul Baratto Amministrativo e sul divieto dell’uso del Glifosate, si sta lavorando all’efficientamento energetico, al potenziamento della differenziata,  al rafforzamento delle produzioni locali a Km zero; si sta valutando la possibilità di menù bio nelle mense, di operazioni legate al riuso ed al baratto;  e molto altro che attiene alla promozione di stili di vita sobri e consapevoli.
580080_3441165996670_1221680053_n

Un esempio dei modelli ai quali ci ispiriamo è questo:

( articolo tratto dal Fatto Quotidiano ):

Comuni virtuosi, il caso Seravezza (Lucca): rifiuti zero, “case dell’acqua” e menù bio a scuola. Così i cittadini pagano meno.

Per costruire una “società migliore” non servono miracoli o eroi. Ma “tanta volontà e una costanza di ferro”. Parola di un sindaco, Ettore Neri, che da dieci anni amministra un piccolo comune della provincia di Lucca, Seravezza, vincitore del premio Comuni virtuosi 2015. “Non ci siamo inventati nulla, abbiamo osservato cosa facevano le altre città e abbiamo copiato le buone pratiche”. Il cambio di marcia ha riguardato innanzitutto le politiche ambientali. Su una geografia piuttosto complessa, visto che i confini del paese, con quasi 14mila abitanti, si estendono dalle spiagge della Versilia alle Alpi Apuane, fino a 1500 metri di altezza.

Favorire la bioedilizia e l’utilizzo delle tecnologie a basso impatto ambientale è stato il primo obiettivo, inserito nel regolamento urbanistico di cinque anni fa. Per incentivare la comunità a ricorrere alle fonti di energia rinnovabile (fotovoltaica, eolica, idroelettrica o quella derivante da biomassa) tra le altre cose è stato previsto un bonus aggiuntivo, che consiste nell’incremento della superficie utile lorda in caso di interventi di edilizia sostenibile fino a un massimo del dieci per cento di quella ammessa. Il Comune ha aperto anche un ufficio di consulenza gratuito per chi volesse ridurre il consumo energetico. E ha istituito una nuova figura, “l’energy manager”, che si occupa dell’efficientamento energetico degliimmobili di proprietà comunali. Intanto sugli edifici pubblici e su tutte le scuole di pianura sono stati installati impianti fotovoltaici. A costo zero per il Comune. “Abbiamo partecipato a un bando regionale – continua il sindaco -, in base a cui una ditta esterna si sarebbe fatta carico dellarealizzazione e della progettazione degli interventi. Oggi possiamo usufruire dell’energia prodotta con i pannelli”. Funzionano con tecnologia led e fotovoltaica anche alcuni lampioni.

La raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta è stato un altro traguardo raggiunto nel 95 per cento del territorio. Resta esclusa dal servizio soltanto una frazione in collina. Ma presto anche qui spariranno campane e cassonetti dall’arredo urbano. “Grazie al porta a porta i cittadini risparmiano il cinque per cento sulla tassa dei rifiuti” sottolinea il primo cittadino. Oltre 1700 famiglie smaltiscono gli scarti organici e verdi a casa propria attraverso l’uso di bidoni composter e pile di concime. È il risultato di una campagna per il compostaggio domestico durata sette anni, dal 2006 al 2013.

Il Comune ha aderito, come tante altre città del mondo, alla strategia rifiuti zero, cioè riuscire a trasformare entro il 2020 ogni scarto in una risorsa da riutilizzare. Molti cittadini hanno già eliminato i sacchetti di plastica per la spesa e l’hanno sostituita con una borsa di cotone con la scritta “No alla plastica – grazie” realizzata dagli alunni della scuola elementare. L’iniziativa si chiama “Porta la sporta”. Altri due appuntamenti immancabili a Seravezza sono “M’illumino di meno” (la giornata dedicata al risparmio energetico promossa dalla trasmissione Caterpillar di Radio Rai 2) e “Puliamo il mondo” (una campagna di volontariato per la pulizia di parchi, strade, piazze, spiagge, fiumi che si tiene il terzo week end di settembre).

La ricerca di uno stile di vita ecologico non può prescindere dalla scelta di un mezzo di trasporto ecosostenibile. Alla scuola elementare e media è partito il progetto “Piedibus”, il percorso a piedi da casa all’edificio scolastico con l’accompagnamento di un adulto (nonni, genitori o insegnanti). La manifestazione “Bimbimbici” invece serve a promuovere l’uso della bicicletta tra i bambini e i ragazzi per i brevi spostamenti. Un evento per tutti è la “mobility week”, la settimana europea della mobilità sostenibile.

E poi il cibo. Mollare le cattive abitudini a tavola sin da piccoli è cosa buona e giusta. Seravezza ci sta riuscendo alla grande. Due mercati settimanali a chilometro zero della Coldiretti e a scuola mensa con menù biologico e caraffe per l’acqua (al posto delle bottiglie di plastica). Per promuovere l’uso dell’acqua pubblica sono state realizzate delle “case dell’acqua”. Al cittadino interessato viene consegnato un kit composto da sei bottiglie con cestino (che costa dieci euro) e delle chiavi per l’erogazione dell’acqua (da dieci euro l’una e all’interno ci sono già tre euro di ricarica pari a 60 litri di acqua). Il prezzo dell’acqua è di cinque centesimi al litro (sia naturale che frizzante). Tradotto: meno plastica e meno Co2 nell’atmosfera.
Non è finita qui. In cantiere c’è un ecocompattatore per la raccolta di plastica e alluminio. Ilmacchinario (alimentato da pannelli fotovoltaici) riduce la volumetrica di bottiglie Pet e lattine e rilascia uno scontrino da un punto per ogni pezzo introdotto. Con i punti accumulati si potranno avere buoni sconto presso le strutture commerciali convenzionate. Il Comune sta cercando un’azienda a cui affidare il servizio”

 12038003_831793853605776_3786574909709181271_n
Per tornare alla nostra Casetta i dati riferiti all’erogazione dei primi  42  giorni, ci raccontano  di una Casetta  che valorizza ulteriormente   ( ad un prezzo popolarissimo, 5 centesimi,  sia nella versione liscia che gasata, entrambe refrigerate, filtrate, controllatissime ) la nostra buonissima acqua : sono stati erogati complessivamente 9.155 litri di acqua, di cui 3.437 naturale e 5.718 frizzante.  La media è di 218 litri giornalieri. Questi numeri, di assoluto rilievo, significano anche che sono state risparmiate 6.103 bottiglie da 1,5 litri, 244 Kg di PET in meno da smaltire, 1.106 Kg. di CO2 risparmiati per la produzione ed il trasporto di PET, 8 cassonetti in meno da svuotare, e – particolare non trascurabile – si è raggiunta in soli 42 giorni la cifra di 1.373 euro di risparmio annuo per i cittadini rispetto all’acquisto di acqua minerale in PET da 1,5 litri calcolando un prezzo medio di 20 centesimi quale prezzo delle comuni acque minerali.
Ancora un dato: la fontana dell’acqua voluta dall’amministrazione comunale ha risparmiato per l’ambiente 64.081 litri d’acqua (è noto infatti che per produrre una bottiglia in plastica da un litro servono, tra le altre cose, 7 litri d’acqua).

cropped-15791_10202505342383592_282809109107333046_n.jpg
Rispetto ad alcune voci circolanti circa la possibile chiusura delle fontane pubbliche conseguente all’apertura della/delle Casette, va da sé che la notizia non ha nessun reale fondamento anche se merita una riflessione.
Ci sono fontanelle “storiche” a Cantiano che sono veri e propri monumenti: pezzi della nostra storia, icone della nostra comunità. E’ impossibile immaginarle diverse da come sono oggi: Sant’Agostino, la Fontanella in Piazza Luceoli, la fontanella del Borgo.
Altre andranno giustamente regolamentate: lo spreco di acqua potabile dovuta ad eventuali fontanelle sempre aperte rappresentano appunto uno spreco di risorse inaccettabile contro il quale chi ha a cuore il corretto uso e la difesa dei beni comuni non può non intervenire ( indipendentemente dalle bollette salatissime che spesso ne conseguono ). Si tratterà quindi di intervenire non chiudendole (ci mancherebbe) ma regolamentandone l’erogazione con diffusori sostenibili.

Annunci

BARATTO AMMINISTRATIVO E GLIFOSATE.

vento alle finestre. via IV novembre. agosto 2014.

Nel corso del Consiglio Comunale del 18 Agosto, l’Amministrazione di Cantiano ( che figura già non a caso tra i 40 finalisti del Premio Nazionale Comuni Virtuosi ) ha approvato due ordini del giorno di grandissima portata: il BARATTO AMMINISTRATIVO e il DIVIETO DELL’USO DEI DISSECCANTI A PRINCIPIO ATTIVO GLIFOSATE.

Se si considera che il 14 di agosto era stata attivata la nuovissima Casetta dell’Acqua si può ben dire che sul piano politico-amministrativo Cantiano ha inanellato delle giornate esaltanti sul fronte della tutela dei beni comuni, del farsi comunità, della condivisione e del prendersi cura.

Con il BARATTO AMMINISTRATIVO, entrando nelle pieghe dell’art.24 del D.L. n. 133/2014 così come convertito in legge dall’art. 1 comma 1 della legge n. 164 del 2014 ( “Misure di agevolazioni della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio”), e ricordando anche l’esigenza di sensibilizzare il ruolo dei cittadini rispetto alla cura e tutela dei beni comuni come previsto dall’art. 118 della Costituzione affinché attraverso una assunzione di responsabilità possano contribuire con un ruolo attivo alla lotta al degrado che spesso colpisce le nostre Comunità, il nostro Comune ha incrociato due esigenze, mettendole in rapporto, facendole dialogare: consentire cioè ad una parte di cittadini contribuenti che si trovino in difficoltà economiche di poter assolvere al mancato pagamento dei tributi già scaduti, o per ripagare l’ente mediante una prestazione di pubblica utilità indirizzata agli interventi che l’Amministrazione individuerà nel territorio comunale.

Si incrociano cioè due vantaggi: quello dei contribuenti in difficoltà che vengono messi nelle condizioni, serenamente, di assolvere ai propri doveri; e quello del Comune che può usufruire di forza lavoro in un periodo in cui scarseggiano le risorse, le assunzioni sono bloccate ed i risparmi e tagli nella gestione amministrativa rendono determinate attività di difficile soddisfacimento con una crescente conseguente difficoltà nella manutenzione del patrimonio pubblico, offrendo nel contempo quale ente della Pubblica Amministrazione più prossimo ai cittadini L’OPPORTUNITÀ ETICA E MORALE DI RIDARE DIGNITÀ a chi, per le contingenti e transitorie situazioni di emergenza, potrebbe essere costretto a chiedere frequenti aiuti o diventare frodatore fiscale non colpevole.

La Giunta porterà al prossimo Consiglio Comunale il Regolamento che prevederà le norme di riferimento del rapporto tra cittadini ed Amministrazione. Per intanto siamo orgogliosi, con questo provvedimento di grande spessore etico e morale, di aver riaffermato il nostro muoverci nel solco di un rinnovato spirito comunitario, fondato su quei beni comuni che ci invitano, sempre, ad immaginare e fondare ogni scambio su reciprocità e pari dignità, a rimettere al centro l’economia dei sistemi territoriali, a riconoscere il saper fare, le relazioni, spostando infine e finalmente l’asse dalla competizione alla cooperazione.

10850052_10203179434475473_5725606290101570227_n

Con l’approvazione dell’Ordine del Giorno avente per tema: “ Divieto dell’uso dei disseccanti a principio attivo GLIFOSATE e salvaguardia del territorio comunale dall’uso dei diserbanti chimici, delle sostanze tossiche anche di origine naturale e delle sostanze-soluzioni saline negli interventi di controllo delle infestanti al di fuori delle pratiche agricole” il Comune di Cantiano produce un atto concreto ( probabilmente il primo della nostra provincia ) che riassume la propria determinata volontà di rivolgere un’attenzione sempre più stringente e non negoziabile alle tematiche legate alla difesa della salute e dell’ambiente e alla diffusione di stili di vita sostenibili: Cantiano non a caso è il paese della filiera corta del pane a Km. Zero, dell’acqua e ( e del grano ) ingrediente fondamentale ed imprescindibile del Pane di Chiaserna e delle famose Amarene artigianali di Cantiano.

Beni e risorse da difendere e presidiare; viceversa, notoriamente, il principio attivo noto come glifosato è ritenuto “probabile cancerogeno” dall’Agenzia di Ricerca Internazionale sul Cancro di Lione, e numerose sono ormai le pubblicazioni e gli studi scientifici che ne segnalano la pericolosità, anche in relazione ai possibili danni al DNA umano ( Uno studio pubblicato su The Lancet Oncoloy dopo tre anni di ricerche coordinate da 17 esperti in 11 paesi, rivela una forte correlazione epidemiologica tra l’esposizione al glifosato e il Linfoma non-Hodgkin in aggiunta ai già noti aumenti di ricorrenza di leucemie infantili e malattie neurodegenerative ).
A fronte di queste valutazioni e di molte importanti prese di posizione, come ad esempio quella del Presidente della Associazione Italiana Agricoltura Biologica Vincenzo Vizioli, ancora non si riescono a vedere risposte concrete da parte dell’amministrazione pubblica e del Legislatore. Del resto il glifosato è contenuto nei diserbanti prodotti dalla potentissima multinazionale Monsanto, la quale è ottimamente attrezzata per la tutela dei propri interessi, anche quando questi confliggano col principio di precauzione, che andrebbe applicato immediatamente di fronte a tante autorevoli grida d’allarme.

L’ordine del giorno ricorda diffusamente le tantissime controindicazioni all’uso estensivo e sistematico del diserbo al glifosate, richiama la necessità del principio di conservazione della biodiversità e i già succitati danni per la salute umana impegnando infine la giunta ad attivarsi utilizzando tutti gli strumenti a sua disposizione per contrastare l’uso delle sostanze tossiche anche di origine naturale e delle sostanze-soluzioni saline negli interventi di controllo delle infestanti al di fuori delle pratiche agricole a salvaguardia della salute umana, dell’ambiente e della biodiversità;
A garantire che negli eventuali bandi di gara emanati dal comune per gli appalti pubblici riguardanti gli interventi di contenimento delle infestanti venga indicato come unica tipologia di intervento possibile quello meccanico;
a interloquire con i responsabili del settore manutenzione strade della Provincia, o attuale ente preposto, affinchè all’interno del territorio comunale vengano utilizzati esclusivamente metodi di tipo meccanico nelle operazioni compiute dalla ditte loro incaricate;
ad informare attraverso incontri e comunicazioni scritte i rivenditori sul territorio comunale e tutti i cittadini sui rischi per l’ambiente e per la salute umana nell’utilizzo e di vendita di prodotti diserbanti.

Insomma, in queste giornate ferragostane a Cantiano abbiamo voluto ricordare che
“ci sono beni e servizi particolari e speciali: non sono programmi televisivi, non sono prodotti finanziari, non sono cravatte abiti scarpe; sono oggetti che non si fanno, che non si comprano e vendono. Ricchezze naturali e patrimoni culturali, beni relazionali indispensabili a mantenere connesso il sistema vivente. Nessuno può affermare di averli prodotti ( clima, acqua, energia solare, sementi, animali, piante e ogni altra vita capace di riprodursi spontaneamente ): sono doni del creato, “ tesori che abbiamo trovato nel secchio magico da dove sorge l’arcobaleno, esattamente come i saperi, le culture, le lingue, i codici, le acquisizioni scientifiche, i beni artistici ed ogni altro frutto della creatività sociale”
Sono i Beni Comuni.
serie2_0

CANTIANO BENE COMUNE. UN ANNO DI IMPEGNO E RINNOVAMENTO AMMINISTRATIVO: COSA E’ STATO FATTO NEI PRIMI 12 MESI.

11866312_811700078948487_7166867994246158902_nPer prima cosa voglio ricordare che giovedi 30 luglio nel corso di un importante Consiglio Comunale l’Amministrazione di Cantiano ha deliberato di mantenere INVARIATE per il 2015 tutte le tariffe, vale a dire:

– Aliquote e detrazioni IMU;
– Aliquota addizionale comunale IRPEF;
– Tariffe TARI ( tributo servizio rifiuti );
– Aliquote e detrazioni relativamente alla tassa sui servizi indivisibili TASI

Tutto ciò nonostante l’ulteriore taglio dei trasferimenti statali che priveranno il nostro bilancio di altri 120.000 euro circa (si è passati dal milione di qualche anno fa ai 600.000 odierni). Per compensare questo ulteriore taglio si lavorerà, in alcuni casi per la prima volta, sul fronte dell’evasione fiscale, della ricerca di risorse aggiuntive rispetto ai trasferimenti ordinari ( come è stato fatto con fotovoltaico e farmacia comunale ), economie e razionalizzazioni nel funzionamento della macchina comunale, contenimento di alcuni costi fissi (come quelli dell’illuminazione e del riscaldamento) con operazioni innovative di efficientamento.
In sintesi, con il voto ed i provvedimenti dell’ultimo Consiglio, si sono volute ribadire le linee guida che hanno orientato l’Amministrazione in questo primo anno ( e che saranno la spina dorsale dell’azione dei prossimi quattro ):
– equità
– paziente progressiva riorganizzazione ed efficientamento
– rinnovamento
– trasparenza e condivisione
– presenza, disponibilità, dialogo
– sinergia pubblico-privato
– autonomia.

serie2_5

COSA E’ STATO FATTO
Quello che segue è un breve e non esaustivo elenco delle iniziative amministrative messe in campo nei primi 12 mesi

1. Approvazione in Consiglio Comunale delle VARIANTI al Piano Regolatore Generale, approvazione che ha permesso un doppio vantaggio: da una parte tante aree fabbricabili sono tornate agricole soddisfacendo così le richieste di molti cittadini, e dall’altra parte si è data la possibilità ( con un aumento degli indici urbanistici adeguato alle possibilità del Piano medesimo ) di investire su Cantiano nel settore dell’edilizia privata a chi avesse voglia e disponibilità.

2. Contemporanea approvazione in Consiglio di un PIANO DI LOTTIZZAZIONE – a distanza di una ventina d’anni dall’ultimo – che prevede la realizzazione di un complesso di case mono-bifamiliari a residenza abitativa con la possibilità in tempi celeri di partire con lavori nel campo trainante dell’edilizia.

3. Nello stesso tempo, a dimostrazione di un’azione a 360 gradi, si è già iniziato un concreto piano di interventi con l’Associazione di promozione sociale “Le Tecchie”, aggiudicatrice e detentrice di una convenzione con la Provincia, e di operatori legati al mondo del turismo e della promozione ambientale, piano finalizzato al rilancio in chiave turistica e a una consapevole riqualificazione del Bosco di Tecchie.

4. In questo quadro di promozione territoriale e sinergia pubblico-privato sono stati messi in campo, con il contributo essenziale in due casi delle rispettive associazioni, tre eventi promozionali riusciti in una misura probabilmente senza precedenti: la mostra mercato del Cavallo, la Turba, la Piazza del Gusto, con evidenti ricadute economiche sui nostri territori grazie alle migliaia e migliaia di visitatori richiamati dagli eventi.
8691_4661257098185_2133546199_n

5. Nel campo delle politiche sociali ricordiamo l’aumentata offerta nel campo dei servizi della Casa di riposo- Residenza protetta, con l’inserimento delle figure della psicologa e dell’animatore pur mantenendo anche in questo caso, faticosamente ma con grande determinazione, LE TARIFFE INVARIATE: ribadendo cioè un rapporto qualità-prezzo che non ha uguali nell’entroterra e forse nell’intera Provincia.

6. E’ inoltre allo studio una concreta progettualità finalizzata ad allargare l’offerta assistenziale (casa riposo, residenza protetta, comunità alloggio etc etc ) con fattive possibilità di allargamento dell’occupazione sia in termini diretti che di indotto.
7. Rimanendo in ambito sociale l’Amministrazione si è attivata garantendo il supporto e l’assistenza a circa 40 famiglie: progetti, borse-lavoro, assistenza domiciliare, assistenza educativa, sostegno in sinergia con l’Ambito Sociale e continua interazione con gli Assistenti Sociali.

8. Sempre in tema di servizi ricordiamo due bellissime e non semplici edizioni del campo scuola estivo (Baraonda e Mago di Oz ) che hanno riscosso molti consensi anche al di fuori dei confini comunali.

9. Sempre in campo sociale ricordiamo la gestione impeccabile, senza problemi e culturalmente positiva per Cantiano dell’emergenza immigrati,ricordando come altrove le cose siano spesso andate molto diversamente. Una gestione la nostra nata tra preoccupazioni e polemiche anche strumentali e poi diventata un modello.

11947483_10204606764077821_6844553533070928599_n

10. Di grande rilievo e risonanza la risoluzione della controversia, dopo decine di anni, relativa alla farmacia che dal maggio 2015 è rientrata nella piena disponibilità del Comune di Cantiano con tutti i benefici conseguenti in termini di servizio e introiti per le casse comunali. In questo senso già dal prossimo anno ci saranno ulteriori sviluppi sia in termini di spazi che di servizi per i cittadini.

11. Ultimati i lavori per il ripristino del Ripetitore televisivo a Chiaserna, nello specifico riguardante le linea di alimentazione elettrica, in accordo con la Popolazione di Chiaserna.

12. Interventi su dissesti idrogeologici : frana a Tranquillo.

13. Ripristino viabilità e estrada secondaria al Renaccio di Chiaserna;

14. Pulizia fosso Formula Chiaserna, tratti del Bevano e Burano zona San Crescentino.

15. Asfaltatura del tratto alto di via Mampuia (Chiaserna), modificato rispetto all’idea iniziale a causa del ridotto finanziamento regionale che doveva sostenerlo ( ridotto di ¾ degli importi ).

16. Realizzazione di uno spazio parcheggio nella frazione di Moria.

17. Prossima presentazione del PAES (Piano di Azione per l’energia sostenibile). Individuati due interventi, uno riguardante l’efficientamento di tutta la pubblica illuminazione e l’altro riguardante la sostituzione degli impianti di riscaldamento degli edifici pubblici con altri più efficienti e meno inquinanti.

18. Rassegna culturale “Cantiano tra storia e natura” con diversi incontri tematici e/o convegni, alcuni dei quali di grande valore ed interesse.

19. Sempre in ambito culturale l’inaugurazione dell’archivio Storico e della Biblioteca Comunale;

il susino del parroco. primavera 2013.

20. Consistente ed innovativo investimento in materiale tecnologico per le scuole.

21. Concretizzazione e lancio del progetto “Filiera corta del pane di Chiaserna”, con coinvolgimento del mondo agricolo e dei panificatori: progetto in espansione che sta attirando l’attenzione degli operatori e di quanti lavorano nel settore della qualità e dei nuovi stili di vita. Obiettivo: conseguimento della DOP per il nostro pane.

22. Intensi i rapporti con i commercianti, volto alla creazione di una consulta per un maggior sviluppo degli eventi già consolidati ed il lancio di nuovi.

23. Realizzazione ed implementazione del nuovo portale turistico.

24. Presentazione da parte della maggioranza, nel corso di questo primo anno, di ordini del giorno, mozioni e documenti di indirizzo su qualificanti temi e campi di intervento, alcuni di drammatica attualità: ospedali e sanità, piano regolatore degli acquedotti, Aato, a dimostrazione di una costante volontà di essere elemento di certezza e garanzia istituzionale ma anche voce rappresentativa che sa rivendicare e denunciare se necessario.

25. Da settembre una massiccia campagna informativa e formativa, strutturata su vari livelli e con vari strumenti, per la diffusione della raccolta differenziata e l’efficientamento della indifferenziata.

26. In questo senso l’installazione di una Casetta dell’Acqua ( refrigerata, gasata, naturale, filtrata ) finalizzata alla diffusione del buon uso della nostra pregevolissima acqua, al risparmio economico in periodi di difficoltà, al contenimento dei rifiuti di plastica.

27. Una continua, impressionante ( e anche un po’ faticosa ) modalità di ascolto e scambio con i cittadini: in un anno 5 riunioni nelle frazioni (mai successo prima), ricevute quasi trecento persone presso gli uffici comunali, dieci Consigli Comunali aperti, continuo scambio ed informazione con Associazioni e categorie.

Infine è motivo di particolare soddisfazione ed orgoglio il recente inserimento del nostro Comune, da parte della prestigiosa Associazione dei Comuni Virtuosi, all’interno di un bando/concorso, che ci vede presenti come UNICO COMUNE DELLE MARCHE, grazie ad un composito progetto che mette assieme pratiche virtuose, nuovi stili di vita ed impegno civico e sociale.

11046985_10203621946217990_1391286610_n

A TUTELA DELL’ACQUA BENE COMUNE

11232900_801559419962553_8779771485773980752_n

Nel corso del Consiglio Comunale  del 9 luglio – a Cantiano, nel contesto della discussione sullo schema di convenzione per la costituzione della nuova AATO  ( Assemblea di Ambito Territoriale Ottimale, cioè l’Assemblea costituita da 59 Comuni della Provincia che tra le altre cose decide l’organizzazione del Servizio Idrico, le Tariffe, gli Investimenti e che dovrebbe svolgere la sua attività di controllo sui Gestori proprio per conto dei comuni e per assicurare la tutela del consumatore ), sono state approvate con il voto della maggioranza (la minoranza ha espresso un voto contrario ed uno di astensione) delle importantissime OSSERVAZIONI in piena sintonia con quanto proposto e suggerito anche dal FORUM PER I BENI COMUNI in difesa della natura PUBBLICA dell’acqua.

Sono Osservazioni allo schema di Convenzione che il Comune di Cantiano auspica ( ed in questo senso continuerà a ad impegnarsi e dar battaglia in ogni sede e con le più diverse ed opportune modalità) che possano trovare applicazione nella costituzione definitiva della nuova AATO.

Le osservazioni sono finalizzate ad ottenere finalmente più trasparenza e più peso dei comuni dell’entroterra, e che finalmente ci si doti di un vero Statuto.
Statuto che che preveda che le sedute siano legali solo se presenti almeno 30 Comuni e che le decisioni siano la conseguenza del voto favorevole di un numero di sindaci che costituiscano sia la maggioranza delle quote di partecipazione che dei Comuni per evitare che decisioni anche importanti possano essere prese da pochi, magari quelli che esercitano uno strapotere come Pesaro e Fano ( che da soli hanno quasi il 30% delle quote ).

Un passo di assoluto rilievo, che sottolineo, è quello che chiede, al punto 7, che sia garantita in ogni caso la proprietà delle infrastrutture all’Ente locale concedente, comprese le infrastrutture realizzate dal gestore durante il periodo di affidamento.

le caldare. aprile 2014.

Di seguito le Osservazioni:

1) Il nuovo AATO, ”ente atipico, che ha personalità giuridica di diritto pubblico” (pag. 13 DRG1692/13) dovrà essere dotato di uno Statuto, poiché la convenzione è solo una sintesi e non richiama le specifiche minime necessarie alla vita dell’Ente;

2) Lo Statuto dovrà prevedere, per quanto riguarda la validità delle sedute (Art. 6, comma 5, dello schema di convenzione tipo) la presenza di componenti che rappresentino almeno la maggioranza delle quote percentuali di partecipazione all’AATO oltre, alla presenza di un numero di componenti che rappresentino almeno 30 Comuni. Inoltre, dovrà prevedere che le decisioni dell’Assemblea per essere valide (ART.6, comma 6, dello schema di convenzione tipo) debbano essere assunte con il voto favorevole di un numero di componenti che rappresentino, sia la maggioranza delle quote di
partecipazione presenti, che il numero dei Comuni presenti (doppia maggioranza);

3) Lo Statuto dovrà prevedere che L’Assemblea possa essere convocata, oltre che dal presidente (art.8 comma 7 lett. A) dello schema di convenzione tipo), anche da 1/10 dei Comuni (5) e che la sua convocazione e i relativi materiali dei punti all’O.d.G. siano inviati ai Sindaci e resi pubblici sul sito dell’AATO con almeno 10 giorni di anticipo;

4) Lo Statuto dovrà prevedere che l’Assemblea possa scegliere il luogo di riunione anche con formula itinerante tra gli spazi messi a disposizione dai Comuni facenti parte dell’AATO;

5) Lo Statuto dovrà specificare che le Assemblee debbano essere pubbliche, prevedendo, altresì la loro registrazione audio da pubblicare nel sito dell’AATO;

6) Lo Statuto dovrà prevedere la Consulta degli utenti di cui all’art.4, comma 1 della Legge regionale 30/2011;

7) Lo Statuto dovrà chiarire le modalità di conferimento delle infrastrutture all’AATO o al gestore, affinché ne sia garantita in ogni caso la proprietà all’Ente locale concedente, comprese quella delle infrastrutture realizzate dal gestore durante il periodo di affidamento;

8) Lo Statuto trattando degli affidamenti della gestione del servizio idrico integrato,dovrà richiamare tutte le modalità di gestione utili previste dalle leggi in vigore.